vatinno On agosto - 2 - 2018

Come nel film di Lizzani

http://www.giuseppevatinno.it/wordpress/wp-content/uploads/2018/07/BS-300x207.jpg 300w" sizes="(max-width: 512px) 100vw, 512px" />

Leaders of centre-right coalition Matteo Salvini (L) and Silvio Berlusconi, leader of the Forza Italia party, talk to journalists after a meeting with the Italian President on April 12, 2018, at the Quirinale Palace in Rome.
Far-right and anti-establishment forces in Italy resumed battle over who can lead a new government, as a second round of talks began with a row over Silvio Berlusconi leaving little room for manoeuvre after last month’s inconclusive election. / AFP PHOTO / Tiziana FABI


Mussolini ultimo atto è un film di Carlo Lizzani del 1974 che descrive mirabilmente gli stati d’animo del Duce, presago della fine, in una Repubblica di Salò in disfacimento, con i gerarchi che tentavano di mettersi in salvo, abbandonando quello che, fino a pochi mesi prima, era stato il loro capo indiscusso.
Ben si adatta questo titolo a quello che sta accadendo in Forza Italia.
Berlusconi ultimo atto potrebbe essere infatti l’esemplificazione di quello che accade al fondatore del centro-destra moderno, se vogliamo post-fascista.
Ormai l’ascesa del nuovo leader, Matteo Salvini, ha messo nell’angolo il vecchio leone che si sta arroccando, proprio come il Duce del fascismo, in una ridotta valtellinese, rappresentata questa volta dalla difesa della scelta di non votare il candidato della maggioranza alla Presidenza della Rai, Marcello Foa.

CONTINUA QUI:
http://www.affaritaliani.it/politica/berlusconi-ultimo-atto-553953.html

Views All Time
Views All Time
71
Views Today
Views Today
2
Categories: Articoli

Comments are closed.

Search my site

    Facebook