vatinno On gennaio - 30 - 2019

http://www.giuseppevatinno.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/riccardo-nencini-300x199.jpg 300w, http://www.giuseppevatinno.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/riccardo-nencini-768x510.jpg 768w, http://www.giuseppevatinno.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/riccardo-nencini-1024x680.jpg 1024w" sizes="(max-width: 1600px) 100vw, 1600px" />

In concomitanza con il Congresso a Milano di “+ Europa”, la formazione politica di Emma Bonino e Tabacci, a Firenze si sono aperti i lavori per un “cantiere” politico, “Stati Uniti d’Europa verso la rosa nel pugno”.
Dunque si ripropone un antico sodalizio, quello tra radicali e socialisti, che riscosse un discreto successo ai tempi -2006- appunto della Rosa nel Pugno – Laici Liberali Radicali eleggendo 18 deputati con la Bonino Ministro per il Commercio internazionale.
Una visione libertaria e laica che ha come obiettivo le prossime europee, magari proprio in contrapposizione a Emma Bonino che, dal canto suo, ha detto di guardare anche al Pd pur non prendendo alcuna decisone.
Presente anche il coordinatore della Lista Pannella, Maurizio Turco.
Nencini ha spiegato che i sono quattro i punti del programma politico del nuovo progetto:
Una politica estera comune, un unico ministro delle Finanze, la creazione degli eurobond e poi la revisione del trattato di Maastricht e Dublino.
In tempi di crisi del renzismo il movimento di Nencini potrebbe avere qualche appeal anche nel Pd o almeno in alcuni suoi settori laico – socialisti, certamente sottrarrà consensi al partito della Bonino, visto il target politico sostanzialmente comune che cerca di intercettare una reazione anti – sovranista che non ha ancora trovato il modo di esprimersi compiutamente.
Mauro del Bue ha spiegato il senso del progetto da l’Avanti! Facendo riferimento anche ai rapporti con Calenda:

La Rosa nel pugno e la proposta Calenda

Views All Time
Views All Time
95
Views Today
Views Today
1
Categories: Articoli

Comments are closed.

Search my site

    Facebook