vatinno On febbraio - 10 - 2019

http://www.giuseppevatinno.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/02/Di-Maio--300x157.jpg 300w, http://www.giuseppevatinno.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/02/Di-Maio--768x402.jpg 768w" sizes="(max-width: 835px) 100vw, 835px" />
Il vicepresidente del Consiglio e Ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio sta facendo sul serio con la Francia. Sono finiti i tempi in cui Renzi o Monti andavano a mangiare le ostriche della Normandia a Bruxelles o Parigi e tornavano con le pive nel sacco, ma con grandi pacche elargite dagli eurocrati.
In effetti, l’attacco alla moneta francese in Africa, il cosiddetto Franco Cfa, portato in mirabile sincronia da lui e da Alessandro Di Battista, ha suscitato una vasta eco mediatica in tutto il mondo. Il fatto poi che Macron abbia sentito impellente il bisogno di consultare l’ambasciatrice italiana in Francia, Teresa Castaldo, è significativo del fatto che l’effetto è stato pienamente raggiunto.
Naturalmente è partita subito una ampia contraerea mediatica sul tema, ma i fatti restano fatti ed effettivamente l’adozione di questa strana moneta, di cui nessuno sospettava l’esistenza, i dubbi li lascia.
All’inizio l’acronimo Cfa significava “Franco delle Colonie francesi” e poi, più politically correct, si è trasformato furbamente in “Franco della Comunità finanziaria africana”. Affaritaliani se ne è già occupato qui: http://www.affaritaliani.it/politica/geopolitica/francia-africa-macron-sfruttamento-economico-politico.html
Già che ci sia una moneta “coloniale” o post – coloniale non depone bene. È come se l’Italia, per fare un esempio, avesse la “lira libica”: chissà il clamore che si sarebbe levato da ogni dove e magari dalla Nazioni Unite, oltre che dalla Ue, naturalmente.
Una recente intervista di Ruggero Tantulli de Il Fatto Quotidiano a Otto Bitjoka, presidente dell’Unione Comunità africane d’Italia ha chiarito le idee.
Intanto c’è una proposta concreta articolata in due fasi: una Commissione di inchiesta Ue sugli accordi di decolonizzazione “sul sistema predatorio che impoverisce il Continente” e poi la liberazione dal “franco coloniale”.
Otto Bitjoka è un economista…

PROSEGUE QUI:
http://www.affaritaliani.it/politica/di-maio-di-battista-stendono-macron-in-africa-587052.html

Views All Time
Views All Time
116
Views Today
Views Today
1
Categories: Articoli

Comments are closed.

    Facebook